Dopo aver svelato (in modellino) carro e immagine di santa Rosalia per il 2017, così come immaginato da Agave Spettacoli che realizzerà la festa il sindaco Orlando e l’Arcivescovo Lorefice hanno presentato il calendario degli eventi per il festino che inizia oggi domenica 9 luglio per concludersi sabato 15 luglio con le processioni religiose.

Ricco, dunque, il calendario di quest’anno che avrà inizio il 9 luglio con l’Infiorata di Santa Rosalia nel sagrato della Cattedrale alle ore 18 e si concluderà con il Solenne Pontificale alle ore 11 in Cattedrale il 15 luglio presieduto da Lorefice e in serata , alle 19 la Solenne processione dell’Urna argentea con le spoglie della Patrona di Palermo.

Fondamentale il contributo per il progetto del Carro e della Scultura di Santa Rosalia del Liceo Catalano:  hanno partecipato circa 100 studenti dell’indirizzo di Scenografia, nella prima fase  e 40 circa nella seconda fase di realizzazione e finitura.

Tre docenti e artisti hanno coordinato i lavori:Andrea Buglisi,Rosalia La Grutta e Franco Reina, coinvolgendo a pieno titolo i giovani allievi.

Il carro, sarà un vascello luminoso, sospeso su un mare di onde grigio/azzurre; la luce bianca varierà di intensità in base al percorso fatto,e cambierà colore verso rosso o azzurro, a seconda delle tappe verso il mare, per raggiungere la massima intensità di illuminazione ai quattro canti.

“Un Festino che rivolge la propria attenzione ai palermitani e ai giovani-precisa Franco Lollo- un programma  che si articolerà lungo il percorso Arabo Normanno, piazze e chiese e rivolto a tutte le età, dai più piccoli ai più grandi; un programma eterogeneo e adatto anche ai turisti presenti in città”.

Una manifestazione all’insegna della fraternità e dell’umanità: le porte dell’Arcivescovado saranno aperte ai cultori di altre religioni.

“Il tema della 393esima edizione è la leggerezza. La leggerezza rappresenta la forza dei valori, che si presentano in maniera leggera. Sono i valori deboli che si presentano in maniera pesante invece, per essere ascoltati e affermati- dice Orlando-Rosalia è simbolo di leggerezza, di un richiamo a valori forti che si manifestano nella quotidianità e nella familiarità. Rosalia rappresenta per la comunità palermitana, guida e riferimento, ma anche specchio della vita di ogni giorno. Ci ricorda, nella metafora moderna, il cambiamento: è possibile liberarsi dalla peste e dalla morte; è possibile liberarsi dalla disoccupazione o dai problemi della città.

Il Festino va considerato come un evento di Palermo per Palermo, e non un evento fatto a Palermo per Palermo”.

“Non bisogna distogliere lo sguardo-afferma Lorefice- da ciò che veramente conta per liberare la città da falsi profeti. Per questo abbiamo voluto dare un tributo a due grandi uomini, Falcone e Borsellino, con la rappresentazione dei loro volti durante la realizzazione dell’Infiorata che, come Rosalia ci ricordano di non prostarsi a falsi idoli”.

Diretta streaming sui canali dell’ Arcidiocesi ( www.diocesipa.it) e sul sito della Cattedrale (www.cattedrale.palermo.it),fruizione della piattaforma Sky per dare un eco nazionale alla manifestazione,diretta radiofonica su RadioAction 101.2 e un APP “Santa Rosalia” scaricabile da Appstore e Googleplay  per seguire virtualmente  tutta la manifestazione.