“Approvata in giunta regionale la dichiarazione di stato di calamità per gli incendi che hanno colpito la Sicilia nei giorni scorsi”. Lo annuncia l’assessore regionale all’Agricoltura Antonello Cracolici.

“E’ stato dato mandato alla protezione civile di predisporre la classificazione dei danni. Il primo passo da attuare sarà quello di acquisire tutti gli elementi necessari per quantificare l’entità economica dei danni, successivamente verranno avviati tutti gli adempimenti utili ad individuare gli strumenti da mettere in campo per sostenere le aziende danneggiate dagli incendi”.

Nessuna sorpresa, invece, durante la medesima giunta sul fronte della nomina del Ragioniere generale della regione. La giunta nominato l’avvocato Giovanni Bologna che già reggeva il Dipartimento ad interim dopo che salvatore Sammartano era andato in pensione. Bologna ha invece lasciato l’altro dipartimento dell’assessorato economia che va a gaetano Chiaro fedelissimo di Crocetta già dirigente generale del Dipartimento della pianificazione sanitaria e in seguito alla segreteria tecnica del Presidente.

Bocciata, invece, Marisa Finocchiaro capo di gabinetto dell’assessore Baccei. Insomma tutto nel segno della continuità con un’altra infornata di fedelissimi a 5 giorni dalla scadenza del termini per presentare le memorie alla Corte dei Conti per evitare il default