Chiude definitivamente il 31 agosto il negozio Promod di via Ruggero Settimo a Palermo. Lo ha annunciato la società che gestisce il marchio di vendita di abbigliamento femminile avviando, contemporaneamente, le procedure di licenziamento collettivo per gli otto dipendenti del negozio ovvero una responsabile di negozio e sette addetti alle vendite.

Si tratta del secondo punto vendita Promod che chiude in città. Nel 2016 era toccato al punto vendita del centro commerciale Forum con procedure avviate ad ottobre e concluse a fine anno.

In questo caso la società comunica che il 31 agosto cessa il contratto di affitto dei locali ed i proprietari hanno già inviato disdetta nei termini di legge dunque il negozio dovrà obbligatoriamente chiudere il 31 agosto e, secondo la lettera di avvio della procedura di licenziamento collettivo, non c’è spazio per ricollocare gli otto dipendenti in nesuno degli altri punti vendita di Palermo di via Notarbartolo, via Sciuti e all’interno del centro Commerciale Conca d’Oro. La situazione di crisi, inoltre, non permette l’apertura del negozio di via Ruggero Settimo in altra sede anche per effetto dell’alto costo degli affitti.

“Una procedura di licenziamento collettivo la settimana, la situazione è divenuta ormai insostenibile” dice Mimma Calabrò segretario generale della Fisascat Cisl. La crisi non accenna a mollare la presa nel settore commerciale “E’ sconfortante dover lottare ogni giorno per limitare i danni affrontando continue procedure di crisi che si susseguono una dopo l’altra. ad aggravare la crisi c’è anche l’alto costo degli affitti degli esercizi commerciali che frende complesso il mantenimento di negozi in attività o l’apertura di nuovi punti vendita. Naturalmente ci impegneremo nella ricerca di soluzioni nell’interesse dei lavoratori”.