Un altro grosso marchio chiude a Palermo. Nella centralissima via Ruggero Settimo presto non ci sarà più il megastore Mondadori. La notizia, trapelata due settimane fa, aveva gettato nello sconforto i 14 dipendenti.

Adesso arrivano novità positive. Mondadori ha comunicato a Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs l’intenzione di procedere a una cessione del ramo di azienda a Oviesse,in base ad un accordo raggiunto e comunicato alle parti per la successiva sottoscrizione.

“Registriamo positivamente quanto contenuto nella comunicazione ai sensi dell’art. 47 – dichiara Mimma Calabrò Segretario generale Fisascat Cisl Sicilia – i livelli occupazionali, da quanto dichiarato, sono tutti salvaguardati. Dei 14 dipendenti, sette rimarranno in capo alla Mondadori e gli altri 7, senza soluzione di continuità passeranno alle dipendenze di OVS così come previsto dall’art. 2112 del c.c. Se, da un lato, però registriamo positivamente la volontà di OVS di voler ampliare e consolidare la propria attività sul palermitano, dispiace che un marchio come Mondadori faccia scelte difensive piuttosto che espansive. Attendiamo la convocazione dell’esame congiunto per entrare nel merito della questione richiedendo altresì a OVS il rispetto dell’accordo di integrazione gestionale al verbale sottoscritto nell’ambito della procedura 223/91 siglato il 28 dicembre 2016 con il quale si prevede la riassunzione dei lavoratori posti in mobilità, secondo i termini dell’accordo stesso, di essere ricollocati nei punti vendita di Palermo e provincia non appena vi fossero state le condizioni per poter procedere in tal senso”.