E’ un assalto all’arma bianca quello che avviene in sala Alessi di Palazzo d’Orleans, al terzo piano dello stabile che ospita il presidente della Regione, quando il governatore Rosario Crocetta arriva per incontrare i disabili gravi che protestano da stamani e che hanno occupato proprio la sala Alessi.

Ad aspettarlo ci sono i manifestanti con le famiglie e gli assistenti ma c’è anche un inferocito Pif che si è schierato fin da stamattina con i manifestanti ed è stato protagonista di una vera e propria ‘cazziata’ telefonica nei confronti del governatore che non era in sede.

Crocetta ha detto di essere andato a Vittoria per incontrare l’azienda vittima di danneggiamenti ma subito si è rivissuta l’esperienza di qualche giorno or sono quando i disabili sono rimasti, per due volte in circostanze diverse, ad attendere l’assessore al welfare, Gianluca Miccichè, dimessosi ieri travolto dalle polemiche relative a questa vicenda.

Crocetta come Miccichè, i disabili possono aspettare è il film che è sembrato andare in scena quando il governatroe ha detto che non sarebbe arrivato prima delle 18. In realtà è riuscito a tornare prima delle 16.

E’ stato un fuoco di fila di urla con Pif che incalzava e Crocetta che urlava a sua volta. Alla fine il governatore si è impeganto a presentare entro fine settimana un piano preciso con i tempi per la soluzione del problema, ad avviare entro quindici giorni le selezioni del personale necessario e a sbloccare l’impiegio dei fondi già presenti in bilancio sperando di poter contare presto anche su quelli di un altro piano di intervento per il quale si attende l’autorizzazione da Roma

“Entro due mesi il problema sarà risolto stabilmente” ha infine detto il governatore il cui volto contrito ha asssunto una espressione indecifrabile quando Pif gli ha chiesto se si impegnava a dimettersi nel caso non avesse rispettato i tempi stabiliti pe rla soluzione del problema.

“Questo proprio no, non posso lasciare tutto nel marasma e dimettendomi il problema non si risolverebbe – ha aggiunto – se per assurdo avessi risolto il problema di 3000 e ne mancassero ancora seicento per chiudere il cerchio che farei dovrei dimettermi, suvvia…”

Alla fine Pif la smette di urlare ma lascia dietro di sè la minaccia di fare una campagna contro Crocetta se fra due mesi il problema non sarà stato risolto…

GUARDA IL VIDEO DELLA PROTESTA DI STAMANI

GUARDA IL VIDEO DELL’OCCUPAZIONE DELLA PRESIDENZA DELLA REGIONE DA PARTE DEI DISABILI

GUARDA IL VIDEO DELLA TELEFONATA FRA PIF E CROCETTA