La protesta dei disabili dà l’esatta misura dello stato di disagio in cui versa il territorio e del malessere di centinaia di persone, mortificate nella loro dignità perché private del sostegno e dell’assistenza che invece dovrebbe essere garantiti per legge Come Cgil chiediamo l’immediata convocazione delle parti sociali per discutere di una soluzione concreta e definitiva che il presidente della Regione ha l’obbligo di individuare”.

Lo dicono Clara Crocé, della segreteria della Funzione pubblica regionale e Mimma Argurio segretaria Cgil Sicilia. La protesta dei disabili ha visto nei giorni scorsi scendere in campo il regista Pif, protagonista di uno scontro verbale col governatore Crocetta.

“Come giustamente è stato ribadito in occasione del confronto pubblico- aggiungono Argurio e Crocè- non è più possibile avere pazienza, e gli sguardi di coloro che, con la sedia a rotelle, hanno preso parte alla protesta palermitana prima di essere ricevuti a Palazzo d’Orleans hanno il diritto di avere risposte certe. Ne hanno diritto i disabili così come le centinaia di persone che rischiano il posto di lavoro. E’ tempo di dire basta ai giochetti e agli interessi della politica– concludono le due esponenti sindacali- l’unico obiettivo deve essere la garanzia dell’assistenza ai disabili e dell’occupazione per i lavoratori siciliani”.