Per l’anno 2017 gli stilisti Domenico Dolce e Stefano Gabbana hanno scelto Monreale come scenario ideale per ospitare l’evento che rappresenta il momento più alto della loro attività annuale. Si tratta di “Alta Sartoria”, previsto dal 4 al 10 luglio, e vedrà la partecipazione di circa quattrocento importantissimi ospiti provenienti da tutto il mondo e di oltre cinquanta giornalisti appartenenti alle testate internazionali più rilevanti, tra le quali il TIME, The Wall Street Journal, The Financial Times, che documenteranno questo grande avvenimento.

Per la cittadina normanna, dal 4 luglio 2017 inserita nel circuito “Palermo Arabo normanna” ed il cui Duomo è stato inserito nella World Heritage list dell’Unesco, si tratta di un’occasione straordinaria per promuovere la sua immagine nel mondo. Un’occasione imperdibile, per la sua ricaduta mediatica e turistica, accolta favorevolmente dall’amministrazione comunale.

La sfilata “Alta Sartoria” si terrà alle ore 20,00 di giorno 8, seguirà la cena di gala presso il Chiostro, e quindi un dopocena presso il giardino del Belvedere, che si protrarrà fino alle ore 03,00 del giorno successivo. Ma già da giorno 4 il centro storico di Monreale si trasformerà in un cantiere per l’allestimento delle scenografie. Un cantiere off limits per i residenti, dato che la società che gestisce l’evento, la FeelRouge Worldwide Shows S.r.l., incaricata dalla società “Dolce e Gabbana S.r.l.” di tutta l’organizzazione della manifestazione, utilizzerà in via esclusiva le piazze Vittorio Emanuele e Guglielmo II, il Duomo, il Palazzo Arcivescovile, il Palazzo Monumentale, le Sale Consiliari, il Chiostro di S. Maria La Nuova e il Giardino Belvedere.

Per l’amministrazione comunale, che non sarà chiamata a sostenere particolari spese e che riceverà un contributo economico di 12.000 € dalla Dolce & Gabbana, si tratta di un ottimo investimento nell’ottica della promozione turistica. Monreale usufruirà della veicolazione pubblicitaria dell’immagine della città, attraverso le maggiori testate televisive e giornalistiche internazionali. Intanto tutti gli hotel e i Bed & Breakfast hanno già registrato il tutto esaurito per la settimana interessata dall’evento. In alcuni casi i titolari hanno dovuto sottoscrivere un obbligo di riservatezza nei confronti degli ospiti.