Ormai a pochissimi giorni dal voto in Sicilia, impazzano i sondaggi e le guerre di cifre.

“Se si votasse oggi in Sicilia gli exit poll ci terrebbero incollati al televisore per seguire il testa a testa tra Giancarlo Cancelleri e Nello Musumeci. Entrambi raccolgono il consenso di circa un terzo dell’elettorato, con un leggero vantaggio di Cancelleri con il 33,2% delle preferenze sul candidato del centro destra Musumeci che lo segue con il 33,0%. A seguire il candidato del centrosinistra Fabrizio Micari che si attesta al 24,2”. Lo rivela un sondaggio sulle intenzioni di voto in Sicilia del 15 e 16 Ottobre 2017 di Marketinginpolitica.com che ha affidato il monitoraggio della campagna elettorale che condurrà al voto del 5 novembre a Keix – data for Knowledge.

Secondo il sondaggio, è sopra la soglia del 5% il candidato presidente della Sinistra Claudio Fava, che raccoglie il 7,4,
chiude il candidato del partito Siciliani Liberi Roberto La Rosa con l’1,6% dei consensi.
Il sondaggio è stato condotto tra il 16 e il 17 ottobre su un campione di 2357 intervistati (52% dei uomini, il 48% donne) di età compresa tra i 18 e i 64 anni.

Keix fa sapere che “la rilevazione è stata effettuata nelle nove province della Sicilia con stratificazione ad ampiezza
centro con interviste rilasciate in forma anonima e condotte face to face sul territorio nell’81% dei casi; mentre il 19%
delle interviste è stato realizzato con questionari via web”.

Ma non è il solo sondaggio in questa guerra di cifre proprio lunedì altri numeri stavolta erano arrivati dell’istituto Piepoli, pubblicato da Affaritaliani.it dove in maggiore ‘stacco’ è dato il candidato del centrodestra:  Nello Musumeci, svetta e sfiora addirittura il 40% dei consensi, il grillino Giancarlo Cancelleri  sotto il 30% mentre Fabrizio Micari (Pd-Ap) e Claudio Fava (sinistre) sono sotto il 20%.

Leggi anche:Regionali, la ‘corsa all’ultimo voto’ di Cancelleri: “Non credo ai sondaggi ma alle piazze, i siciliani hanno capito il gioco di Musumeci”