Zamparini dovrà metterci la faccia alla fine. Ad un certo punto. E dare conto dei risultati che produce alla città ed ai suoi tifosi.

La sconfitta con lo Spezia in casa ha determinato l’eliminazione dalla Coppa Italia e l’ennesima smentita del Presidente del Palermo a se stesso. Solo lunedì scorso aveva confermato fiducia a De Zerbi, mercoledì sera ha deciso di esonerarlo per affidare la squadra a Corini.

E proprio  su Eugenio Corini vogliamo spendere qualche parola. Palermo lo ricorda come un eroe. Il capitano del ritorno in serie A. Giocatore e uomo senza macchia. Un’occasione persa per Zamparini che avrebbe potuto, e dovuto, premiare il suo attaccamento alla maglia rosanero mantenendogli un ruolo in società, prima che lo strepitoso Eugenio decidesse di attaccare le scarpette al chiodo e Zamparini stesso decidesse di affidarsi a dirigenti ed osservatori improbabili.

Così non fù all’epoca. Corini lasciato andare altrove dove ha potuto  cominciare una buona carriera da allenatore con risultati ottimi su panchine non troppo accreditate.

Adesso Corini ha ceduto alla chiamata di Zamparini. Temiamo che non sia una scelta buona per la sua carriera se non sarà riuscito a spuntare l’impegno del suo vecchio Presidente Rosanero a rinforzare la squadra alla prima occasione utile offerta dal mercato ed anche prima facendo ricorso a qualche svincolato.

Cosa potrà fare Corini meglio di De Zerbi con gli stessi uomini e con lo stesso organico scadente che abbiamo visto in campo in questi mesi? Temiamo poco. Forse nulla.

Facciamo un appello a Zamparini allora. Presidente hai dimostrato di non avere cura, negli ultimi anni, del Palermo e dei suoi tifosi. Stai facendo di tutto per rimuovere la buona storia dei primi 10 anni del Palermo che tu stesso hai creato. Fai il possibile adesso, ed anche l’impossibile, per non tirare Corini nelle sabbie mobili in cui hai cacciato i rosanero ed i suoi tifosi. Eugenio Corini non se lo merita come non se lo meritavano i palermitani.
Temiamo che questo appello andrà inascoltato ma noi abbiamo attenzione ai valori ed alle cose che contano e non ci dimentichiamo delle brave persone.