Legge di stabilità regionale o Finanziaria se volete, e bilancio di previsione 2016 approvati in Commissione, ora si passa all’aula. E’ giunto alle 9 di stamani il voto finale in Commissione Bilancio e finanze alla legge che dovrà essere calendarizzata ed approvata entro la fine del mese.

Lavori tribolati con una rissa sfiorata fra le 4 e le 5 del mattino e deputati divisi fisicamente dai colleghi. Ma non è stata solo la rissa a rendere difficoltosa la situazione prima che si arrivasse, questa mattina, all’approvazione.

Ma andiamo per ordine nel raccontare la nottata. La tensione era chiara già poco dopo la mezzanotte con continue provocazioni fra deputati. la battaglia scoppia sui consorzi di bonifica. Un confronto duro ma di tipo politico al culmine del quale cominciano a volare parole grosse. ‘siete dei pezzenti’ avrebbe detto un deputato ad un altro, ma non è chiaro chi abbia iniziato ad alzare il livello delle ‘offese’. Fatto sta che dopo le parole la tensione sale fino a degenerare nello scontro fisico fra Panepinto e Ciaccio con quest’ultimo che si dice aggredito mentre resta immobile e i deputati che li separano.

La rissa causa lo stop ai lavori. Una mezz’ora per ricomporsi poi la seduta riprende ma mentre si continua a lavorare poco a poco i deputati lasciano la seduta. si perdono pezzi di maggioranza uno dietro l’altro fino a quando in aula mancano del tutto i cuperliani. Così non si può andare avanti e la seduta rischia di saltare.

A salvare la situazione sono il capogruppo del Pd Alice Anselmo e il vice presidente dell’Ars Giuseppe Lupo. Quest’ultimo autorizza la sostituzione dei deputati assenti e la Anselmo mette in campo altri Pd per sostituirli. Si arriva così al voto articolo per articolo.

Poco dopo le 8 del mattino una sospensione, poi, alle 9, il voto finale. Bilancio e Finanziaria potranno, adesso, andare in aula ma la settimana che va ad iniziare passerà tutta prima di entrare nel vivo. Non si incardinerà domani ma martedì in aula. Una seduta che potrebbe durare un’ora o anche meno servirà per aprire la sessione di bilancio e dare il termine per gli emendamenti d’aula a giovedì. Giunti quelli si potrà cominciare la discussione vera e propria forse venerdì 19 per entrare, poi, nel vivo martedì 23 e utilizzare tutta la settimana successiva per quella che si annuncia una vera e propria ‘guerra politica’ in aula.

Una curiosità la dice lunga sul clima e sulla situazione nonché su quanto accadrà a sala d’Ercole. In commissione non è passato neanche un solo emendamento a firma Crocetta.