Lavoratori e corsi dell’Anfe devono essere salvati nonostante l’indagine penale sull’ex presidente Genco che ha lasciato la guida dell’ente. Sembra essere questo l’orientamento del presidente della Regione Rosario Crocetta che ieri pomeriggio ha incontrato il commissario dell’Anfe Sicilia Costantino Garaffa insieme a una delegazione di lavoratori. Tutti sono stati ricevuti dal Presidente Crocetta e dal Direttore Generale Formazione Gianni Silvia.

Informalmente Crocetta avrebbe lasciato intendere speranze anche sul recupero dell’accreditamento dell’ente cosa che salverebbe l’avvio dei corsi oif nei quali è impegnato circa la metà del personale anfe (611 lavoratori circa 300 dei quali dedicsati proprio ai corsi Oif)

Il salvataggio dei lavoratori passerebbe, poi, anche attraverso al soluzione della vertenza ex sportellisti che permetterebbe di impiegare circa altri 180 dei 611 dipendenti Anfe lasciando, in questo modo, fuori solo meno di 150 dipendenti recuperabili con altre soluzioni. Da ricordare che subito dopo l’insediamento il commissario straordinario aveva avviato le procedure di licenziamento collettivo.

“Bisogna salvaguardare i lavoratori dell’Anfe e i corsisti” avrebbe detto il Presidente della Regione mostrando piena disponibilità da parte della Presidenza ad interloquire con costanza sia con l’ente, che con i sindacati affinché si trovino delle soluzioni che non facciano del male a nessuno.

“Riscontriamo una buona sinergia nell’amministrazione e nel Presidente Crocetta – commenta il commissario Costantino Garrafa – andiamo avanti con trasparenza e fiducia”.

Durante l’incontro non si è, invece, affrontato il tema del contestatissimo Avviso 8 rispetto al quale l’Anfe ha comunque presentato ricorso circa l’esclusione dalla graduatoria in posizione utile all’ottenimento dei corsi