Niente accordo con Forza Italia almeno non ancora. E’ questo il tema più spinoso per la formazione della prima giunta Musumeci. Ieri lunga riunione tra il governatore Nello Musumeci e il commissario regionale di Forza Italia Gianfranco Miccichè e il suo vice Francesco Scoma alla ricerca di un’intesa prima di tutto sui tempi perché Miccichè vorrebbe posticipare la formazione della giunta all’indomani della definizione degli assetti nell’ufficio di presidenza dell’Ars mentre Musumeci ha fretta per potersi mettere subito al lavoro.

Per il resto non ci sono grandi problemi se non il fatto che Miccichè teme che, fatta la giunta, non si riesca a mantenere gli alleati saldi sulle posizioni che portano alla sua elezione a Presidente dell’Ars.

Il governatore, però, ha le idee abbastanza chiare su nomi e deleghe anche se ci sono tre o quattro assi nella manica per eventuali sostituzioni in caso di ‘mancato gradimento’ da parte degli alleati perchè l’intenzione e di chiudere solo con l’avallo dell’intera coalizione.

Ecco allora le possibilità partendo dal rispetto degli accordi pre elettorali: Gaetano Armao vice Presidente e assessore all’Economia (ma sulla vice presidenza potrebbero innescarsi trattative), Roberto Lagalla assessore a Formazione professionale e Istruzione, Vittorio Sgarbi assessore ai Beni Culturali (ma le voci che lo vogliono alla Fondazione Federico II anzichè in assessorato sono sempre insistenti soprattutto dopo che lui ha fatto capire che resterebbe solo qualche mese, fino alle nazionali), Ruggero Razza, fedelissimo di Musumeci, dovrebbe prendere la sanità per sottrarla a tutti gli appetiti che vengono da tutti i partiti, Totò Cordaro sembra destinato al Territorio e Ambiente Mimmo Turano potrebbe andare alle Attività Produttive anche se circola il nome di Margherita La Rocca Ruvolo per un incarico ancora da comprendere.

Manca a questo elenco il nome dell’assessore di Lega e Fratelli d’Italia se Razza, come sembra, sarà in carico al Presidente in persona. Si fa il nome di Gianpiero Cannella ma per un posto in giunta c’è in lizza anche Alessandro Aricò che fino a qualche giorno fa sembrava destinato addirittura alla sanità. Più complessa la situazione per gli assessori di Forza Italia visto che il partito continua a non fare i suoi nomi ufficialmente al governatore. In lizza Marco Falcone. Edy Bandiera. Riccardo Gallo Afflitto, Santi Formica, Giovanni Mauro e Giuseppe Guaiana. Sei in lizza ma Musumeci vorrebbe assegnarne solo quattro e fra questi l’unico nome abbastanza certo sembra essere quello di Marco Falcone.

La giunta per Musumeci deve vedere la luce entro giovedì 30 novembre ma si spera di farcela prima, ovvero lunedì 27 o mertedì 28. Per le trattativa, dunque, c’è ancora qualche giorno ma di aspettare l’insedimaento e l’elezione del presidente dell’Ars il presidente proprio non sembra volerne sapere.

Leggi anche

Trattative difficili e fibrillazioni

La nuova mappa della burocrazia regionale, via Monterosso dentro Mattarella

E adesso andate a lavorare!

La proclamazione di Musumeci

Il passaggio di consegne Crocetta Musumeci

La festa per Musumeci insediato