L’Università degli Studi di Palermo ha conferito la Laurea Magistrale Honoris Causa in “Ecologia Marina” a S.A.S. al principe Alberto II di Monaco con la seguente motivazione.

“Per la sua grande sensibilità alle tematiche ambientali, soprattutto a quelle legate al bacino mediterraneo e alle regioni polari. Inoltre il Principe ha dimostrato spiccate attitudini alla protezione ambientale e alla promozione dello sviluppo sostenibile su scala mondiale, incarnando una figura ‘illuminata’: quella del sovrano attivo, consapevole, sia dal punto di vista scientifico-culturale e sia etico-legislativo, che esercita un attento processo decisionale in merito alle tematiche ambientali. Il suo appoggio alla comunità scientifica è sempre stato concreto; si è infatti distinto per la sua coscienza sulla necessità di preservare il Mediterraneo, promuovendo le attività della CIESM (Commissione Internazionale per l’Esplorazione Scientifica del Mediterraneo). Inoltre dal 2006, tramite la ‘Fondazione Principe Alberto II di Monaco’, a difesa del pianeta terra ha stanziato più di 28 milioni di euro per contrastare i cambiamenti climatici, la desertificazione e promuovere poli che per la salvaguardia della biodiversità marina nonché dell’uso delle energie rinnovabili”.

Agli indirizzi di saluto del Prorettore Vicario dell’Università degli Studi di Palermo, prof. Fabio Mazzola e del Presidente della Scuola di Scienze di base e applicate, prof. Michelangelo Gruttadauria, sono seguite la motivazione della Coordinatrice del Corso di Laurea Magistrale in Biologia Marina, prof.ssa Salvatrice Vizzini, e la laudatio del Direttore del Dipartimento di Scienze della Terra e del Mare, prof. Antonio Mazzola.
Il Principe Alberto di Monaco ha poi tenuto la lectio magistralis “Il mare e l’uomo, dalle minacce alle promesse”.

Il principe Alberto di Monaco ha anche visitato oggi il Teatro Massimo di Palermo con una numerosa delegazione, accolto da Leoluca Orlando, sindaco e presidente della Fondazione, e dal sovrintendente Francesco Giambrone.

Una guida ha illustrato al principe in lingua francese il modello del Teatro in legno collocato nel foyer, la Sala Grande e il Palco Reale, dove al termine della visita ha scambiato alcuni doni con il sindaco Orlando.

Alberto di Monaco, appassionato di opera e di musica, è rimasto molto ammirato dalla grandiosità della sala e dai numeri da Guinness del Teatro, terzo in Europa dopo quelli di Parigi e di Vienna. Orlando gli ha illustrato le tante iniziative in chiave sociale del Teatro, come Opera camion che porta la lirica nelle periferie della città, e la “Notte a Teatro” durante la quale cento bambini dormono in tenda nelle sale.

“Il principe – dice Orlando – ha firmato il registro d’onore di Palermo esprimendo apprezzamento per la bellezza del Teatro e della città. Durante il pranzo al Circolo della Vela, che organizza la regata Palermo-Montecarlo, gli ho annunciato la mia volontà di conferirgli la cittadinanza onoraria, che avverrà il 20 agosto, proprio in occasione della regata”. Il sovrintendente lo ha invitato a tornare a Palermo per assistere a uno spettacolo, proposta che il principe ha accolto con entusiasmo

Un tour quello del principe in Sicilia, che durerà tre giorni.  Domani si prosegue a Mazzarino,dove il sindaco Vincenzo Marino gli conferirà la cittadinanza onoraria. Per il principe un ritorno visto che tra i titoli di casa Grimaldi c’è quello di Duca di Mazzarino, conferito nel 1777.

Prevista una visita alla basilica Madonna del Mazzaro e a Santa Caterina Villarmosa. Poi lo spostamento nel Ragusano dove Alberto di Monaco è atteso nel pomeriggio a Modica.

Per lui una full immersion nel mondo del cioccolato dalla dimostrazione della produzione fino alla visita al museo, poi la cena di gala organizzata dalla fondazione Grimaldi. La visita si concluderà l’undici mattina fra la chiesa di San Giorgio e il castello di Modica. Previsti anche alcuni incontri privati.