Una via storica di Palermo, la via Calascibetta, è coinvolta da lavori fognari. Niente di anomalo se non fosse che dopo aver rimosso le basole antiche, la buca ricavata è stata ricoperta con asfalto senza rimettere in posa le basole.

“Stanno scavando e ricoprendo così tutta la strada! – denunciano i residenti che si sentono defraudati della pavimentazione storica – Sembra assurdo che si realizzi un intervento così ‘violento’ nel cuore del centro storico, giusto adesso poi nel momento in cui si sta anche riqualificando piazza Cassa di Risparmio”.

Gli operai che stanno eseguendo gli interventi avrebbero rassicurato i residenti sulla provvisorietà della copertura ma la preoccupazione è tanta: “Temiamo – continuano i residenti –  che, anche se provvisorio, questo intervento possa rimanere così per anni e nel frattempo chissá che fine faranno le basole del 700!”.

Ma dall’amministrazione comunicano di aver già rassicurato più volte i residenti. “La risposta alla domanda legittimamente posta dagli abitanti circa che fine faranno le basole è contenuta già nella stessa fotografia postata da molti degli stessi residenti sui social network – dicono dall’amministrazione – basta guardare a destra della foto per vedere che le basole sono state raggruppate in un’area specifica tutte insieme. La copertura con asfalto è stata realizzata per garantire la viabilità minima mentre i lavori proseguono. Quando gli scavi saranno ultimati e le buche ricoperte e assestate, verranno rimesse in posa le basole opportunamente conservate nel recinto in questione”.

Le rassicurazioni, però, non tranquillizzano del tutto i residenti che fanno notare come le basole lasciate all’aperto e incustodite se non da un piccolo recinto rischiano di essere facile preda di improvvisati ladri o semplice vandalismo da strada.