La borgata palermitana di Falsomiele che sorge alla periferia Sud di Palermo è forse il territorio più attivo da un punto di vista criminale negli ultimi mesi. la Borgata sorge subito prima di Ciaculli e Croceverde borgate a ridosso dell’autostrada in direzione catania e che da sempre hanno offerto terreno fertile alla crescita dell’organizzazione mafiosa. Basti pensare che lo storico padrino Michele Greco era proprio di Ciaculli /Croceverde.

la guerra di mafia degli anni ’80 e ’90 fece passare l’intera area sotto il controllo del corleonesi scalzando boss del calibro di stefano Bontate. Ma dall’inizio degli anni 2000 la borgata ha vissuto una pax criminale interrotta solo parzialmente e a sprazzi.

I fatti di sangue degli ultimi mesi, ance se probabilmente scollegati fra loro, fanno pensare ad una improvvisa recrudescenza. Facile ricordare il week-end ‘nero’ degli omicidi, quello fra il 3 e il 4 ottobre dello scorso anno.

Un week-end iniziato sabato 3 ottobre e proseguito fino alla domenica 4 ottobre con delitti in via dell’Allodola e in via della Conciliazione. Una faida, quella, che però potrebbe non avere relazione con i fatti di oggi che sembrano maturati in ambienti criminali di tutt’altro spessore