“Possiamo farcela, dobbiamo vincere per non lasciare la mia terra a una vecchia mentalità di destra e all’improvvisazione dei 5 Stelle”. Cosi’ Fabrizio Micari, rettore dell’Universita’ di Palermo, candidato del centrosinistra in Sicilia, intervistato da La Stampa, si mostra rinfrancato dopo il via libera ufficiale del Pd.

“Finalmente – afferma – cominciamo la campagna elettorale. Lavorerò per far conoscere la mia candidatura, la mia persona, la mia esperienza dentro l’Università che è la piu’ grande azienda siciliana. Io rappresento una vera novità rispetto ai concorrenti”.

“Ringrazio il presidente Crocetta che con generosità ha dato la sua disponibilità a lavorare insieme – aggiunge -. Spero che anche Fava, Mdp e Sinistra italiana ci ripensino. Non si può lasciare la Regione a un centrodestra che
ha una mentalità vecchia o ai 5 Stelle di cui ancora non ho capito che programma abbiano”.

Mdp e Si si sono sfilati quando il Pd ha stretto l’alleanza con Alfano e i centristi di Ap, definendoli ‘impresentabili’.
Che ne pensa? “E’ un giudizio ingeneroso – risponde -. Io sono la garanzia che nella mia coalizione e nelle liste non ci saranno impresentabili”. Farà un ticket con l’eurodeputato di Ap Giovanni La Via? “Non lo escludo, è probabile”, risponde.

Leggi anche:

Renzi in Sicilia per due giorni apre la campagna elettorale

Crocetta conferma il passo indietro, le tenzioni in casa AP

I Coraggiosi ora sostengono Micari e tornano nel centrosinistra

Appello di Micari a Fava ma la risposta non è confortante

Liste del Megafono in Sicilia ma anche a Roma per Camera e Senato e colleggio blindato alla camera per Crocetta, l’accordo raggiunto con Renzi

Navarra si ritira per favorire Fava, niente accordo con il Pd

Il centrodestra torna compatto, ecco il ticket a tre

Prime tensioni nel centrodestra riunito, salviniani e centristi scalciano

Dopo la riunificazione centrodestra vincente per tutti i sondaggi

ELEZIONI IN SICILIA, IL SONDAGGIO