La notizia la comunicano con una dichiarazione congiunta Claudio Fava e Ottavio Navarra ed è nascosta alla fine di un lungo comunicato. Ottavio Navarra rinuncia alla propria candidatura in nome dell’unità del centrosinistra al di fuori del Pd. Una scelta che stoppa qualsiasi velleità di recupero del centro sinistra unitario, maturata alla fine di un incontro fra i due possibili candidati nel corso del quale “è stato ripercorso – scrivono insieme fava e Navarra – il tragitto fin qui seguito fin dalla stesura dell’appello iniziale ribadendo la necessità per la Sicilia della costruzione di un polo alternativo a quelli esistenti non in grado di rappresentare una risposta alle speranze dei siciliani. Sul piano programmatico è stato ribadito un impegno sul tema dei beni comuni e sulla necessità di una loro oculata gestione ponendo fine ai processi di privatizzazione, la necessità di una azione contro le povertà in Sicilia, l’opportunità di offrire risposte al diritto allo studio”.

“Nella sostanza – si legge nel duro atto di accusa rivolto al Pd e a Crocetta – si raccolgono oggi i frutti avvelenati causati dalla coalizione che sostiene Crocetta, in continuità con i governi Lombardo e Cuffaro. La crisi di funzionamento e di credibilità dell’Ars, con la costante delegittimazione del ruolo storico dell’autonomia siciliana, sono da addebitare alla responsabilità di un ceto politico trasformista, dedito alla sua autoconservazione e a garantire esclusivamente clientele ed affari. Nella stessa direzione vanno privatizzazioni, sperpero e perdita delle risorse comunitarie, rapina delle ricchezze naturali, devastazioni ambientali, degrado dell’assetto idrogeologico dei territori, incuria e abbandono del patrimonio boschivo, storico e paesaggistico, negazione dei diritti costituzionali, della salute come del sapere e dell’assistenza ai soggetti svantaggiati”.

Ma Navarra e Fava vogliono essere perfino più chiari “Di questo contesto – scrivono – il Pd è oggi il principale responsabile. Da questa consapevolezza, nasce la volontà di costruire una alternativa al Pd e ai poli politici esistenti e alla rete di potere da essi rappresentati. Da qui la costruzione di un progetto che, per essere credibile, deve avere caratteristiche di rottura radicale, capace di suscitare sentimenti di speranza e desideri di partecipazione nella battaglia per il cambiamento in larghi settori dell’elettorato”.

Fava e Navarra hanno riconosciuto e apprezzato il percorso avviato da mesi da centinaia di attivisti con il supporto di diverse forze politiche della sinistra, di movimenti e realtà associative, perché ha creato le premesse di questo progetto.

E quindi arriva la notizia “Alla luce di tutto ciò, nel rispetto della intesa condivisa unitariamente il 31 agosto tra tutti i soggetti presenti, danno appuntamento per il 10 settembre ad una assemblea regionale alla quale proporre un percorso programmatico e la candidatura di Claudio Fava a Presidente della Regione Siciliana alle elezioni regionali”.

“Siamo convinti che la sfida messa in campo è inedita per la Sicilia e per il nostro Paese – hanno affermato Fava e Navarra – L’assemblea del 10 sancirà l’atto di nascita di una sfida politica che non si esaurirà con il voto del 5 novembre. Per questo chiamiamo a raccolta le esperienze migliori della società siciliana. E’ il tempo di un cambiamento necessario ed utile. Vogliamo mettere a disposizione- proseguono Fava e Navarra -dei siciliani e di tutte le forze che sostengono questo progetto le nostre competenze e la nostra passione”.

E la segreteria regionale di rifondazione comunista esprime grande soddisfazione per il profilo politico e i contenuti programmatici espressi nella nota congiunta di Claudio Fava e Ottavio Navarra . 

“L’asse centrale che caratterizzerà la campagna elettorale della lista unitaria di sinistra è l’alternativita al Pd, alle sue alleanze, ai poli politici esistenti, al loro sistema di potere, ai tanti trasformismi che caratterizzano la vita politica siciliana – si legge in una nota – esprimiamo altresì forte apprezzamento per l’impegno assunto ad affidare l’insieme del percorso e il suo esito positivo ( profilo politico , contenuti programmatici e candidatura Fava) al pronunciamento democratico di tutti i soggetti , singoli e associati, che aderiscono alla lista unitaria della sinistra alternativa al Pd, che saranno chiamati ad esprimersi  nell’assemblea del 10 settembre”

“Ringraziamo Claudio Fava e Ottavio Navarra – conclude la nota – per la determinazione dimostrata nel voler portare a compimento l’intesa unitaria da tutti auspicata”. 

Leggi anche:

Il centrodestra torna compatto, ecco il ticket a tre

Prime tensioni nel centrodestra riunito, salviniani e centristi scalciano

Dopo la riunificazione centrodestra vincente per tutti i sondaggi

L’abbraccio di Ap a Crocetta, anche gli alfaniani ora vogliono le primare

L’appello di Crocetta per l’unità del centrosinistra

Crocetta verso l’azzeramento della giunta, la sfida di Sicilia Futura: “Polemiche stucchevoli

ELEZIONI IN SICILIA, IL SONDAGGIO