Si è tenuto nella giornata di ieri un incontro al municipio della cittadina con argomento la riscossione della tassa di soggiorno nelle strutture ricettive. Alla riunione erano presenti il sindaco, i componenti della giunta, alcuni consiglieri comunali, i componenti cefaludesi del direttivo di Federalberghi insieme al coordinatore del sistema extra-alberghiero e al presidente di Federalberghi Nicola Farruggio.

La notizia viene riportata da Cefaluweb

Il documento, predisposto dall’Amministrazione comunale, è stato oggetto di attenta valutazione e di proposte di suggerimenti grazie ai quali si è giunti ad una condivisione dei punti fondamentali sui quali si impernierà il nuovo Regolamento dell’Imposta. Le principali novità riguardano una nuova rimodulazione dell’importo, con un sensibile aumento rispetto alle cifre attuali e una puntuale precisazione delle diverse tipologie delle strutture ricettive; l’estensione del periodo di imposizione a partire dal 1 aprile di ogni anno; la creazione di un tavolo di concertazione per il monitoraggio e la spesa dell’Imposta, con delle percentuali riservate ad un piano annuale di promozione turistica, alla compartecipazione delle spese di riscossione, alla lotta all’evasione.

Le risorse saranno destinate alla promozione delle infrastrutture e attività turistiche, alla promozione delle politiche culturali e del patrimonio culturale cittadino, al sostegno degli enti e Fondazioni culturali, con particolare riferimento alla Fondazione Mandralisca, alla manutenzione dei luoghi e dei beni comunali di valore storico, culturale e turistico, come il Lungomare, il porto, il castello Bordonaro, il Teatro Cicero, alle infrastrutture turistiche e ai trasporti, al decoro urbano, alla predisposizione di un Piano annuale di promozione turistica della città. Tra le novità anche l’istituzione del Responsabile dell’Imposta, figura che sarà prevista all’interno dell’organigramma comunale, e un più incisivo sistema di riscossione e controllo del pagamento. Adesso la proposta di un nuovo Regolamento sarà sottoposta all’esame del Consiglio Comunale e, in caso di approvazione, entrerà in vigore nel 2018.