“Purtroppo la situazione è questa e mi addolora. Dopo 50 anni di vita specchiata di imprenditore e 15 anni a Palermo, raccolgo questo. Le cose negative servono per crescere: io spero che sappiano leggere la verità dei fatti. Non ho nulla contro la guardia di finanza, ma la loro logica è inquisitoria, non della realtà delle cose”.

Lo ha detto il proprietario del Palermo, Maurizio Zamparini, intervenendo sull’udienza del tribunale fallimentare sull’istanza presentata dalla Procura di Palermo. “Supereremo anche questa – ha aggiunto – siamo sicuri dei nostri conteggi, non c’è nessuno alla porta a chiedere soldi al Palermo. E’ una situazione paradossale: sono deluso da questo Paese, nessuno ci ha chiamati. Non c’è nessun creditore. Potevano chiederci spiegazioni molto prima del tribunale fallimentare. I giornali danno informazioni fantasiose sui debiti del Palermo e sono invitati da tempo a venire da noi per vedere i nostri documenti. Non l’hanno mai fatto e la cosa mi dispiace”.

Il patron rosanero, poi, si è soffermato anche su questioni prettamente calcistiche: “Tedino ha il merito di aver costruito un gruppo tenace e compatto. Il futuro con questi giocatori è ottimo ma puntiamo anche al mercato di gennaio”.

Il pensiero di Zamparini va alla prossima partita contro il Bari che i rosa affronteranno con numerose assenze: “Purtroppo – ha aggiunto – avremo il centrocampo decimato a causa delle squalifiche, ci mancheranno i titolari. Ma credo che Tedino schiererà comunque una squadra forte; speriamo che torni anche Nestorovski, la sua assenza si farebbe sentire parecchio. Sono fiducioso e andiamo a Bari per vincere”.

Pochi spettatori al Barbera e sabato nuovo record negativo. “La differenza la fa il pubblico – ha concluso – a Bari seguono la squadra, il Palermo non merita quattromila spettatori e questo dispiace. Hanno creato un clima ostile contro di me e contro la squadra e spero che tutto si chiarisca con la nuova proprietà, sarò sempre con il Palermo nel cuore e spero che la gente torni allo stadio. I tifosi ci servono e in Serie A si va tutti insieme”