Esprime rammarico Giovanni Panepinto, vice presidente del gruppo parlamentare PD all’Ars, protagonista insieme al capogruppo 5 Stelle, Giorgio Ciaccio, di un duro diverbio, che stava sfociando in rissa, in commissione bilancio all’Ars durante l ‘esame della finanziaria.

“Pur se rammaricato per l’aspra discussione verificatasi in Commissione Bilancio, – dice Panepinto – mi preme precisare che sentire deridere ed apostrofare negativamente il duro lavoro messo in campo per impedire l’aumento dei canoni irrigui a carico degli agricoltori, già penalizzati dalla crisi del comparto, così come la ricerca di risorse per gli agricoltori di Licata e Palma di Montechiaro, che hanno visto nell ottobre dell’anno scorso radere al suolo le proprie serre, ed il tentativo di salvare i consorzi universitari, in particolare quello di Agrigento, fa certamente male e porta ad inasprire gli animi”.

“Il continuo e sistematico attacco al lavoro del Partito democratico -aggiunge il deputato – subito per sette giorni e sette notti – sottolinea Panepinto –  è una pratica difficile da tollerare e che lascia l ‘amaro in bocca ed esaspera”.