L’assessorato regionale alla Salute rivedrà le dotazioni organiche degli infermieri nelle aree di rianimazione e terapia intensiva nei nosocomi dell’isola. Lo rende noto Franco Gargano, presidente del Collegio Ipasvi di Palermo, a esito del confronto fra il coordinamento Ipasvi della Sicilia e l’assessore al ramo del governo Crocetta, Baldo Gucciardi.

“Finalmente si è raggiunto questo primo risultato – afferma Gargano – di fondamentale importanza per la qualità dell’assistenza nelle aree di maggiore criticità , quali le terapie intensive e le unità di medicina”. L’assessore Gucciardi ha anche garantito il massimo impegno per avviare l’iter propedeutico all’istituzione dell’infermiere di famiglia, realtà già consolidata in alcune regioni del nord Italia.

“L’assessore Gucciardi – dichiara il presidente del Collegio Ipasvi di Palermo – ha annunciato che si valuterà l’inserimento di questa figura fra le proposte dei progetti obiettivo del Piano Sanitario Nazionale”. Fra i temi discussi con l’esponente del governo regionale, la predisposizione di una normativa regionale che definisca i criteri, i requisiti e le modalità di attuazione dei percorsi libero-professionali in ambito sanitario, fra i quali l’apertura di ambulatori infermieristici, da pianificare anche in collaborazione con i Comuni e l’assessorato al ramo.

“Sono state accolte – aggiunge Gargano – le nostre proposte volte a migliorare le prestazioni infermieristiche, valorizzandone la funzione sociale per una sanità più efficiente e a misura di cittadino”.