Una proroga dell’ordinanza in deroga che permette alla Regione di autorizzare le discariche a continuare a ricevere rifiuti fino alla prossima Pasqua. E’ quanto ha ottenuto il Presidente della Regione Nello Musumeci dal Ministro dell’ambiente Galletti dopo un lungo confronto durato oltre tre ore, a tratti anche teso, che è, però, servito ad ottenere il risultato sperato.

La proroga sarà predisposta dal Ministero la prossima settimana e probabilmente firmata dal Ministro martedì 12 dicembre in tempo per evitare interruzioni del servizio di raccolta e conferimento visto che la precedente proroga era di soli 15 giorni e sarebbe scaduta venerdì 15 dicembre.

In cambio di questa autorizzazione in deroga la Regione si impegna a predisporre un nuovo piano dei rifiuti che dovrà essere concordato con Roma nelle prossime settimane, probabilmente con un passaggio concreto a metà gennaio. Il piano dovrà prevedere una forte accelerazione sul fronte della raccolta differenziata e interventi di tre tipi.

Oltre alla differenziata dovranno esserci interventi da mettere in atto in caso di emergenza e interventi ordinari. Fra gli ordinari la Sicilia dovrà prevedere anche i termovalorizzatori anche se Musumeci ha detto a Galletti che su questo fronte vuole ricorrere alla termovalorizzazione solo dopo un confronto tecnico che escluda soluzioni di altra natura.

Con il presidente della Regione c ‘era l’assessore ai rifiuti Vincenzo Figuccia e il dirigente generale del dipartimento energia. Il tema resta complesso perchè anche se si è guadagnato tempo e scongiurata l’emergenza sotto le feste, il piano e la riforma del settore non sono ne semplici ne veloci da portare a casa.

Intanto la Regione intende spingere da subito con provvedimenti di natura non legislativa sulla differenziata che serve anche a diminuire il conferimento nelle discariche ormai sature. La Sicilia ha poi preso tempo anche sul fronte del termovalorizzatore di Pace del Mela sul quale Palazzo Chigi punterebbe ma la cui autorizzazione non è proprio dietro l’angolo come era sembrato nei giorni scorsi.

Oggi a Roma è stata una giornata di importanti trattative. Oltre che di rifiuti si è trattato di infrastrutture e di sblocco del bilancio regionale