Barriere anti sfondamento a tutti gli ingressi della zona pedonale di via Maqueda. Palermo si difende così, preventivamente, da possibili attacchi terroristici con furgoni e mezzi stradali che possano replicare l’attentato di Barcellona o uno dei tanti attentati simili messi in atto con camion e furgoni da Nizza a Berlino.

Da oggi, lunedì 21 agosto, ad ogni ingresso della zona pedonale stabile di via Maqueda, grossi blocchi di cemento impediscono l’accesso non autorizzato di mezzi in bgrado di essere utilizzati per investimenti pedonali programmati. La scelta, messa in pratica dal Comune di Palermo, è stata fatta durante il comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica tenuto la scorsa settimana proprio all’indomani dell’attentato di Barcellona.

Analoghi sistemi di protezione verranno messi in pratica in tutte le città italiane e in tutte le zone pedonali. più complessa la messa in posa nelle zone pedonali non permanenti, quelle cioè che vengono chiuse in alcune occasioni o in determinati giorni della settimana, ma anche in questoc aso ci si sta attrezzando per barriere di sicurezza e contenimento.

Leggi anche

Barcellona, il racconto della palermitana che vive poco distante dalla zona dell’attentato