Una lunga scia rossa attraversa via Libertà. Bandiere al vento già dall’incrocio con via Notarbartolo dove il traffico è letteralmente impazzito. Strada chiusa, clacson e lunghissime code con attese anche di un’ora per attraversare l’incrocio e traffico che non sparisce neanche dopo, prolungandosi fino al carcere dell’Ucciardone prima di tornare ad una parvenza di normalità

Su via Libertà il concentramento era previsto a piazza Croci ma a corteo partito le bandiere in lontananza dimostravano che la gente in protesta proveniente da tutte le province siciliane iniziava molto prima per finire molto dopo il percorso ipotizzato.

Diecimila in piazza erano stati annunciati dagli organizzatori e stavolta sembra proprio che ci fossero tutti. Per i palermitani un vero incubo.

A spiegare i motivi della protesta oggi a BlogSicilia è stato Maurizio Landini mentre nei giorni scorsi erano stati anche il segretario generale della Cgil Sicilia Michele Pagliaro e quello della Cgil di Palermo Enzo Campo

Leggi anche

A BlogSicilia parla Maurizio Landini

In diecimila in piazza, parla il segretario Pagliaro

Sabato Palermo paralizzata, attese diecimila persone: ecco come si svolgerà la manifestazione 

Palermo fra i cinque capoluoghi italiani della protesta per le pensioni, Campo: “Anche il governo regionale ci aiuti per creare lavoro”