Sia la Regione Siciliana che l’Ars chiedono di costituirsi parte civile nel processo per la trattativa Stato-mafia. Con una mossa a sorpresa, la nuova giunta regionale della Sicilia, non ancora al completo, ha infatti chiesto al gup di Palermo Piergiorgio Morosini di essere parte civile al processo.

La richiesta si sovrappone a quella presentata in apertura di udienza, nell’aula bunker dell’Ucciardone, dal presidente dell’Assemblea regionale, Francesco Cascio, del Pdl, presente assieme all’avvocato Enrico Sanseverino. Rosario Crocetta ha mandato anche lui i legali

dell’amministrazione di Palazzo d’Orleans, a costituirsi.

E la stessa cosa ha fatto l’europarlamentare dell’Idv Sonia Alfano, figlia di un giornalista ucciso nel 1993 a Barcellona Pozzo di Gotto (Messina), Beppe Alfano: l’esponente politico ha chiesto di costituirsi a nome dell’associazione dei familiari delle vittime di mafia. Il pm Lia Sava, a nome della Procura, si è opposta solo alla costituzione dell’Ars, che a suo avviso
sarebbe un doppione di quella della Regione.

clap