Sequestri per 3.7 mln di euro sono stati eseguiti nel settore vitivincolo dai funzionari degli Uffici di Palermo e Bari dell’Ispettorato Repressione Frodi e dai Nac dei Carabinieri tra la Puglia e la Sicilia.

Nell’Isola sono stati sequestrati oltre 1.150.000 kg di succhi d’uva concentrati bianchi e rossi in uno stabilimento che effettua la vinificazione in provincia di Trapani, e 170.000 kg di mosto concentrato biologico non giustificato dalla documentazione contabile, per un valore complessivo di oltre 2.900.000 euro.

L’altra operazione, svolta in Puglia congiuntamente con il Nucleo Antifrodi Carabinieri di Salerno, ha portato a due sequestri di prodotti vitivinicoli detenuti in “nero” per un valore complessivo di 865.000 euro: uno di oltre 1.317.000 litri di mosti, l’altro
relativo a 300.000 litri di vino.

“Continua con successo nel pieno della campagna vendemmiale l’azione dell’Ispettorato Repressione Frodi e dei Carabinieri dei Nac volta a prevenire e contrastare le frodi nel settore vitivinicolo, con risultati importanti per la tutela dei consumatori e degli operatori – dice il ministro Mario Catania -. Anche gli ultimi ingenti sequestri, infatti, testimoniano
l’efficacia del sistema dei controlli e della cooperazione tra gli organismi di controllo.

E’ un’assoluta priorita’ di questo Governo contrastare ogni forma di illegalita’ e, in questo caso specifico, salvaguardare un prodotto d’eccellenza come il vino, garantendo la
leale concorrenza sul mercato”.